La gita al santuario di Crea

 

Nostr Pais Gugnerd
Chi siamo
Statuto
Attività
La gita a Crea

 

 
 

 

 

 

Parrocchia di sant’Andrea Apostolo – Grognardo

 

 

Pro loco Grognardo

    

Associazione

Nostr Pais Gugnerd

 

  

GITA PELLEGRINAGGIO

AL SACRO MONTE DI CREA 

8 settembre 2005

 

 

IL SACRO MONTE DI CREA

 Il santuario di Crea è da oltre mille anni il centro principale della devozione alla S.S. Vergine nel Monferrato. E va ricordato che fino al 1700 il Monferrato non era solo una regione del Piemonte, come ora, ma uno Stato ricco e potente, che nel Medioevo era stato uno dei protagonisti della storia, governato prima dagli Aleramici, poi dai Paleologi, Imperatori dell’Impero Romano d’Oriente, ed infine dai Gonzaga  La prima cappella dedicata alla Madonna venne però eretta ben prima di queste vicende storiche. Era infatti l’anno 350 d.C. quando S.Eusebio, Vescovo di Vercelli, dovette lasciare la sua città per le persecuzioni degli Ariani, e di rifugiò sul monte di Crea, dove eresse la primitiva costruzione. Il Santo si recò poi in Oriente, in Terra Santa, ed al suo ritorno portò con sé tre statue della Vergine Maria; una venne portata a Crea, l’altra, molto simile, ad Oropa e la terza in Sardegna, terra natale di S.Eusebio. La statua è di dimensioni ridotte, circa 70 cm., scolpita in un unico blocco di legno di cedro,e raffigura la Madonna seduta su un piccolo trono; attualmente le preziose vesti  la fanno sembrare in posizione eretta. Un’antica tradizione vorrebbe che la statue siano state scolpite avendo come modello  un ritratto della Santa Vergine dipinto dall’Apostolo S.Luca, ma non vi è nessuna base storica per affermarlo. La figura è quella di una giovane donna dai tratti mediorientali, il viso è ovale, la fronte ampia e gli occhi sembrano guardare chi ha innanzi; è conosciuta come la “Madonna bruna” anche se un recente restauro ha molto schiarito l’immagine. Ciò che rende particolare il Santuario è però il Sacro Monte, cioè l’insieme di cappelle, legate ad episodi della vita della Vergine Maria, che sorgono sulla cima che sovrasta il Santuario. La loro costruzione iniziò nel 1590, sull’onda della Controriforma, e proseguì col contributo del popolo e dei potenti; le ventitré costruzioni, ornate di statue e dipinti di grandi artisti, costituiscono un complesso di grande suggestione. In un epoca in cui pochi erano in grado di leggere, queste raffigurazioni vive, colorate e drammatiche servivano a raccontare e meglio comprendere  i misteri della fede. Al Santuario ed alle Cappelle lavorarono grandi artisti di ogni epoca, da Macrino d’Alba al Moncalvo ed al fiammingo Wespin detto il Tabacchetti; ma il Sacro Monte è soprattutto un opera corale di artisti ed artigiani piemontesi e lombardi. Un opera di altissimo valore artistico, tanto da essere dichiarata dall’Unesco “Patrimonio dell’Umanità”. A Crea sono venuti in pellegrinaggio molti santi: S.Bernardo, S.Bernardino da Siena, la Beata margherita si Savoia, il Pontefice S.Pio V, S. Giovanni Bosco ……. Vi vennero anche principi e sovrani e fu qui che De Gasperi s’incontrò nel 1948 con il premier francese Bidault per trattare le questioni della pace dopo l’ultima guerra.

 

 

Ultimo aggiornamento: 16-01-06