Home Page Storia Stemma Monferrato Grognardesi Il nome Aleramo Curiosità
 
Il nome "Grognardo"
 

L’ipotesi che gode di maggior credito è quella che lo fa derivare dal nome germanico “Raginard” o “Ragnar” attraverso le forme  Rainardo o Ragnardo, così come Visone deriva da “Wiso-onis”, l’odierno Guido.

Infatti il primo documento storico in cui è citato il nome del nostro paese è la Carta di fondazione dell’Abbazia di Spigno, documento redatto il 4 maggio 991 in Visone; fra le località ove erano situate le proprietà donate al nuovo monastero, si elenca  “in loco e(t) fundo RAGNARDO masos tres”.

 

 

    

Recentemente è stata avanzata una nuova ipotesi, che fa riferimento ad una diversa lettura del documento sopra citato, che presenta proprio in corrispondenza dell’indicazione “Ragnando” delle abrasioni nello scritto, che potrebbe anche leggersi “Rognardo” o, se il segno R fosse unito al segno G in un unico segno, come usuale nella scrittura del Mille, avremmo già il nome attuale.

Secondo un interessante studio del prof. Bruno Chiarlo, tale toponimo deriverebbe dal sostantivo “grognus” che indica una buca nella roccia o nel terreno scavata dalle acque, ed a conferma di ciò sta il nome “Grognardo” di un torrente che scorre in Liguria, nell’alta valle di Taggia e che, come il Visone (le Conchele e gli altri laghetti circolari), presenta queste caratteristiche.

Particolarmente indicativo poi il fatto che un tempo il paese fosse in alto sulla collina, intorno al vecchio castello, sotto il quale vi è tuttora la profonda buca o laghetto scavato dalla cascata della Verazza, che aveva tutte le caratteristiche del “grognus”, e che avrebbe potuto caratterizzare la località dove sorse il primo insediamento.

 

 

Va poi ricordato, anche se non vi è alcun collegamento col nome del nostro paese, che in francese il termine “grognard” significa brontolone e che venivano chiamati “Grognards” i vecchi soldati di Napoleone, che erano sempre stati con lui e che non avevano timore di lamentarsi e rivendicare i loro diritti di vecchi rivoluzionari. Non vi è alcun collegamento, si è detto, ma conoscendo bene i Grognardesi, possiamo proprio escluderlo?