Il Presepe 2005 Dicono di noi Nascite Matrimoni Decessi Notizie Flash Copertina

 

UN PRESEPE NUOVO E SEMPRE UGUALE

Tanti secoli fa Francesco d’Assisi creò il primo Presepe. Era l’epoca in cui il popolo conosceva la parola di Dio non dai libri, che non c’erano e poi pochissimi sapevano leggere, ma  dai predicatori, dai dipinti delle chiese, dalle sacre rappresentazioni. Tale è appunto il Presepio, ma nessuno poteva immaginare il successo di questa rappresentazione, che dura ancora oggi. La spiegazione sta nel fatto che il Presepio è un fatto genuinamente popolare e come tale è capace di evolversi continuamente conservando lo spirito originario. 

Anche il Presepe Vivente di Grognardo continua ad evolversi, rimanendo fedele all’ispirazione originaria di offrire a tutti la possibilità di stare insieme in letizia nella Notte Santa. L'edizione del 2005 ha valorizzato,  con nuovi quadri viventi ispirati dal Vangelo, l’aspetto di sacra rappresentazione e, per accentuare il collegamento del Presepio con la nostra gente, l’impostazione dei quadri viventi è stata tratta dai dipinti sacri di un grande artista di Toleto, Pietro Ivaldi detto il Muto. La sera del 24 il Centro Studi Pietro Ivaldi ha organizzato nella cantina del castello una mostra degli affreschi del Muto riguardanti la natività: Nascita di Maria, Presentazione di Maria al Tempio, Sposalizio della Vergine, Annunciazione, Incontro tra Maria ed Elisabetta, Natività e Visita dei Magi, questi i quadri scelti per presentare l’opera dell’Ivaldi in un contesto che trae spunto proprio dalle sue raffigurazioni. Tutto è avvenuto nella consueta cornice tradizionale di ospitalità ed amicizia, con la possibilità di fermarsi nel tepore dei vecchi negozi e delle vecchie locande ricostruite, a scaldarsi e magari a gustare piccoli assaggi di cose antiche. Come sempre in questa notte di Vigilia il denaro non ha avuto corso, e chi ha voluto dare il suo contributo ha potuto farlo solo coi “grognardini”, la moneta della Notte di Natale.

 

 

 

 

PIETRO IVALDI, IL MUTO DI TOLETO

Pietro Ivaldi (1810 – 1885), noto come “il Muto”, ha i suoi natali nel 1810 a Toleto, una delle più piccole frazioni del Comune di Ponzone, territorio ricco di storia e tradizione. “Il Muto”, artista che ha affrescato le più belle ed importanti chiese della Diocesi di Acqui ha quindi le sue origini in una piccola frazione del comune di Ponzone, dalla quale è partito prima alla volta di Asti, poi per Torino, Firenze, Roma e Venezia per ritornare nelle sue terre una volta sviluppate le tecniche pittoriche apprese dai maestri dell’accademia Albertina e affinate dalla visione dei grandi affreschi romani. La vita di Pietro corre parallela con quella del fratello Tommaso (1818 – 1897),  valente stuccatore, che, oltre ad aiutarlo nella realizzazione delle opere artistiche, quasi sempre lo affiancava o addirittura lo sostituiva nella stipulazione di contratti, atti di commissione o ricevute di pagamento. La produzione dei due fratelli, e della loro bottega d’arte, fu vastissima e spazia per l'intero basso Piemonte con la Cattedrale di Acqui, il Santuario della Ma­donnina, la Chiesa parrocchiale dell'Assunta di Ovada, l’oratorio di Ponzone e di altre dei paesi dell'Acquese, Ovadese (Molare, Santuario delle Rocche) e Casalese. Pietro e Tommaso lavorarono inoltre nell'Astigiano (Bruno, Mombercelli, Nizza Monferrato, Incisa Scapaccino), nel Vercellese e nella Lombardia meridionale (Lomellina) sino alla vicina Liguria (Sassello e Celle ligure).

L’arte di Pietro Ivaldi è una vera e propria rappresentazione visiva delle sacre scritture fatta di colori semplici e luminosi, di pitture immediate e decise, con una evidenza della gestualità delle figure: il gesto è infatti per Pietro, ragazzo sordomuto, la via privilegiata di comunicazione con il mondo circostante. Se semplici ed immediati sono i temi trattati dal Muto, non si deve pensare a lui come ad un pittore semplicistico; la scelta di sfondi particolarmente chiari, le figure ben dosate di luci, ombre, colori, alla ricerca di una equilibrata armonia, anticipano infatti tecniche proprie della moderna fotografia. Il Muto sa essere regista e sceneggiatore al tempo stesso trasmettendo la magia delle emozioni da lui vissute in prima persona. L’amore di Pietro per il suo territorio traspare nelle suo opere ed i paesaggi spesso rappresentati all’interno degli affreschi sembrano indicare un invito alla riscoperta delle nostre origini. Una delle peculiarità del Muto sta infatti nel saper inserire all’interno della rappresentazione delle Sacre Scritture brani poetici, lasciando testimonianze della propria terra, nella ricerca di una ambientazione dei fatti narrati attraverso un paesaggio reso più familiare dalle lacune architettoniche e dalla personale evocazione di orizzonti lontani. Ecco infatti palme, deserti, improbabili cammelli dipinti con quel tanto di fantasia mista a verità in grado di rendere esplicita la dottrina cristiana anche alla povera gente delle campagne che non conosceva il latino della Messa o era addirittura analfabeta.